DMC CALL: La sfida di Antonio Di Martino

 

“Devi andare al Nord”. “Bisogna emigrare”. “Le aziende stanno a Milano”. Queste sono le asserzioni contro cui un giovane del Sud deve combattere tutti i giorni. Non importa quanto sia motivato a restare, non conta l’impegno profuso, la laurea presa con sacrificio… Per lo stato si è sempre bamboccioni. I bamboccioni degli aperitivi che pensano solo al divertimento, mettendo in secondo o terzo piano il lavoro. Questo è quanto i media inculcano tutti i giorni, conducendo in un circolo vizioso all’insegna del dito puntato.
Ma poi… in fondo… E’ davvero così? Lasciando da parte le cause e le concause dell’Unità d’Italia con il conseguente impoverimento di quello che un tempo era il ricco e Felix Sud, è davvero possibile che oggigiorno non ci sia nulla da fare hic et nunc?
Non la pensa così Antonino di Martino, classe ’84, un giovane imprenditore del Sud Italia che nel suo progetto e nella sua Terra ha deciso di crederci. Come? Con impegno, dedizione, sacrificio e tanta, ma davvero tanta caparbietà. Andando contro chi lo osteggiava o chi, con un sarcastico sorriso, gli sconsigliava di provarci, il 32enne aequano ha continuato nel suo iter giungendo, infine, al risultato sperato. E’ così che a Vico Equense, ridente cittadina della Penisola Sorrentina, trova la sua sede la Dmc Call che offre lavoro a chi decide di restare al Sud. In collaborazione con Optima Italia e tanti altri marchi più o meno conosciuti, la Dmc Call mira al potenziamento commerciale di aziende italiane, offrendo ai suoi lavoratori la possibilità di formarsi in un contesto dinamico, giovane e persino panoramico. 
L’iter volto al raggiungimento di obiettivi rafforza le attitudini del candidato, concedendo possibilità di crescita anche a chi è senza esperienza. Insomma, una volta tanto si mette fine al mito dello stagista non retribuito e sfruttato a vita così come a quello del candidato con esperienza sottopagato e avanti con l’età.
Alla Dmc Call sono ammessi tutti quelli che hanno buona volontà, voglia di formarsi e intenzione di crescere. Crescere lavorativamente, economicamente e caratterialmente in un ambiente sereno e familiare ma al contempo formativo. Non è forse un caso, quindi, che la sede aequana della Dmc Call si trovi sulla strada che si è scelto di intitolare ad un grande meridionale e meridionalista: Gaetano Filangieri. Proprio qui, dove in un tempo non troppo lontano il celeberrimo personaggio trovò il suo rifugio mentale, oggi un giovane di Vico Equense sceglie di impiantare la sua sede lavorativa e realizzare il suo credo a riprova del fatto che creare economia al Sud è possibile. Del resto, come si suol dire, nulla è impossibile a chi ha volontà: chi vuole sul serio qualcosa trova una strada, chi non vuole trova una scusa.

 

curiosando magazine: Dmc call e la sfida Antonino Di Martino